F104, decolla il “Black Beauty” N991SF di Starfighters Aerospace

A never ending supersonic legend

E’ proprio vero…la leggenda dell’ F-104 Starfighter non tramonta mai. Questo velivolo che ha segnato un’epoca riesce sempre a far emozionare gli appassionati con la sua storia, le sue linee, le sue prestazioni…

Veder volare un F-104 al giorno d’oggi non è facile, le possibilità sono 2: Norvegia e Stati Uniti. Proprio in quest’ultimo Paese e nello specifico in Florida, al Kennedy Space Center, Starfighters Aerospace gestisce l’unica Flotta al mondo di F-104 pronti al volo, utilizzandoli regolarmente per diverse attività.

Proprio da qui è arrivata nei giorni scorsi la notizia, molto apprezzata dagli appassionati Italiani e non solo, che uno dei loro “Spilloni”, il TF-104 N991SF ex MM54258, è tornato a staccare le ruote da terra a 17 anni dalla data in cui è stato radiato.


TF-104 Starfighter N991SF

Alla Starfighter Aerospace lo chiamano amichevolmente “Blackbird” o “Black Beauty“, ma le origini (Construction Number 583H-5209, Model 583-10-20) di questo F-104 sono tutte italiane.

Il suo “maiden flight” avvenuto il 26 gennaio scorso, può considerarsi una rinascita, perché questo F104 ha una lunga storia alle spalle, una storia ambientata nell’ Aeronautica Militare Italiana.

La vita di questo “Spillone” inizia nel 1969, quando, dopo essere stato assemblato dalla FIAT Aviazione, viene consegnato al 20° Gruppo Autonomo Operativo di Grosseto il 22 gennaio 1970. (Matricola Militare 54258).

Fino al 1985 ha mantenuto sulla fusoliera il vistoso codice numerico
20-23, successivamente, con il passaggio al 4° Stormo ha assunto il
numero di “carrozzella” 4-40.

Formazione di F104 del 4° Stormo. Visibile in alto il 4-40.


Tra la fine del 1990 e agosto del 1991 ha avuto una pausa con lo schema Special Color del leone stilizzato per festeggiare le “75.000 ore di volo” del TF/F-104G con il 20° Gruppo, per essere poi modificato nella versione Tf-104G-M nel 1997. Alla 5° IRAN (a Caselle) dal 22.03.99 a 21.12.00 è stato verniciato in grigio uniforme.

Il 25 ottobre 2004, con il suo ultimo volo a Grazzanise, è stato radiato dall’Aeronautica Militare Italiana, con oltre 34 anni di servizio, 6 cicli di revisione IRAN e 4351 ore di volo

  • F104 Starfighter N991SF in decollo

Nel 2011 STARFIGHTERS Inc. fece un contratto con l’Alenia per
l’acquisizione di alcuni F-104 dell’Aeronautica Militare, compreso il MM54268, che furono trasferiti negli Stati Uniti nel 2012.

Il “54258” fu immatricolato con la sigla civile N991SF, riapparendo nel 2015 con la nuova colorazione nero opaco e il logo dello sponsor “KANON” ben evidente sulla coda.

A fine gennaio 2021 c’è stato il “maiden flight” del N991SF, ai
comandi Rick Svetkoff, presidente-fondatore di Starfighters Aerospace e Piercarlo Ciacchi, il Direttore Operazioni Volo.
Piercarlo Ciacchi è stato pilota di F-104 dell’Aeronautica Militare e pilota delle Frecce Tricolori, prima di trasferirsi negli States continuando a volare con lo Starfighter

Starfighters Aerospace

Con sede presso il Kennedy Space Center della NASA e operante su autorizzazione della Federal Aviation Administration, Starfighters gestisce l’unica flotta al mondo di aerei F-104 pronti al volo.

Questi velivoli sono disponibili per i clienti governativi e commerciali per diversi utilizzi e missioni, che vanno da esperimenti ad alta quota e condizioni particolari, come la microgravità, all’addestramento (type training) di piloti.

La flotta di F104 Starfighters di Starfighter Aerospace con MM e provenienza
La flotta di Starfighters Aerospace, fonte Starfighters.it

La flotta di Starfighters Aerospace presenta alcuni degli ultimi F-104 prodotti, molti dei quali ottenuti dall’Aeronautica Militare Italiana, insieme a un inventario di pezzi di ricambio e attrezzature di supporto.

La flotta comprende versioni a uno o due posti, completamente certificate dalla FAA. I jet di “Starfighters” sono gestiti da equipaggi che comprendono professionisti aeronautici e aerospaziali, tecnici certificati FAA, meccanici, ingegneri e piloti. Il Team ha un’esperienza militare internazionale, in grado di svolgere missioni anche complesse.

Autore dell’articolo Luca Ocretti sulla base del comunicato stampa di Giuseppe Lapenta per www.starfighters.it

Si ringrazia Daniele Mattiuzzo per il contributo fotografico

Foto, salvo dove diversamente indicato, © Matt Haskell for Starfighters Aerospace


Leggi anche il nostro articolo “Il cacciatore di stelle” cliccando qui

Author: Luca Ocretti

Fondatore e amministratore di AvioHub.it. Visita la sezione "Chi Siamo" per saperne di più

Rispondi