FLYOZZANO, novità in arrivo per gli appassionati di aerei storici

Le realtà dedicate al volo in italia sono molte, tra aviosuperfici, associazioni, campi di volo e Aeroclub. Solo alcune,luoghi costruiti e portati avanti con passione e professionalità, ci portano a stupirci. Luoghi dove poter vivere al massimo l’aviazione passata e presente.
Una di queste è sicuramente FlyOzzano, a Ozzano nell’Emilia.

 

In molti conoscono l’aviosuperficie , la scuola di volo e la famosa piscina a forma di aereo. In pochi conoscono i progetti futuri relativi agli aerei storici. Progetti che meritano un’occhio di riguardo e che porteranno nel futuro molti appassionati in terra emiliana.

La passione di Stefano Landi, il proprietario dei velivoli, unitamente a quella di Diego Galli, sta portando alla costruzione di un museo unico in italia nel suo genere. Un museo dedicato agli aerei storici con tutti i mezzi in condizioni di volo, disponibili anche per voli di ambientamento.

Lo scopo del museo? Raccogliere warbirds, ossia  aeroplani da guerra storici, restaurati e mantenuti integralmente nella loro originalità, allo scopo di conservarne la testimonianza storica.

I mezzi, preservati in condizioni di volo, saranno contestualizzati con cimeli e scenario, vi sarà spazio per occasionali eventi anche di Living History per un’esperienza ancora più reale e coinvolgente e saranno organizzati eventi tematici oltre alla possibilità di affittare gli spazi e la location.

Abbiamo avuto l’opportunità di vedere due degli aerei che attualmente sono presenti, un magnifico Stearman e uno Yak-11. Sono affiancati, nell’attuale hangar che però si prevede verrà ampliato, da un Extra 330LX e da un Maule , oltre ad una DeSoto del 1939  e un trattore per movimentare gli aerei degli anni ’50.


BOEING PT-13 STEARMAN 

Lo Stearman è stato il principale addestratore dell’ Army Air Corps, poi Army Air Force, usato anche da US Navy e Marines, durante la seconda guerra mondiale. Robusto e  versatile è stato usato anche nel mondo civile, come addestratore e per lavori agricoli.
Questo esemplare, costruito dalla Boeing come N2S-3 per la Marina Militare Americana  nel 1940 ma poi riassegnato, prima della consegna, all’esercito come PT-13 , è diventato proprio un aereo agricolo subito dopo la guerra; restaurato negli Stati Uniti negli anni 90, è stato portato in Europa dal precedente proprietario fino ad arrivare oggi a FlyOzzano


YAKOLEV YAK-11 MOOSE

Evoluzione dei progetti Yakovlev del periodo bellico, questo addestratore, derivato dagli intercettori Yak-3 e successivi, ne manteneva in parte le caratteristiche.

Questo esemplare è stato prodotto nel 1952 ed alla fine della sua carriera operativa si trovava in Egitto, accantonato con altri mezzi. Recuperato da alcuni appassionati francesi tra gli anni 80 e 90 è stato restaurato con la livrea del “Normandie Niemen”, in ricordo del reggimento che, con le precedenti versioni da caccia dello Yak, operava con equipaggi della Francia libera. Tale livrea è stata effettivamente usata su uno Yak-11 già nel 1982 per il 40imo anniversario dello squadrone francese tutt’ora esistente


Futuri arrivi

Si sa, nei musei aeronautici o comunque tra le mani di appassionati del volo le novità prima o poi arrivano. Possiamo però già annunciare quale sarà il futuro ingresso in questa magnifica flotta, piccola ma affascinante…

Sea Fury – Copyright ScottW

… un Hawker Sea Fury !

Evoluzione dei precedenti Typhoon e Tempest, è uno dei caccia a pistoni più potenti e prestazionali della storia, tanto che durante la guerra di Corea riusciva a tener testa ai jet della prima generazione. Questo esemplare ha prestato servizio nella Royal Navy, poi nell’aviazione irakena finché non è stato rilevato da un grande appassionato e restauratore italo-australiano, porta infatti la livrea della marina australiana che ha effettivamente utilizzato gli stessi aerei.
Anche questo è un mezzo in ottime condizioni di originalità, anche circa la rara motorizzazione che prevede un motore Bristol Centaurus con le inconsuete valvole a fodero; soluzione comune ad altri motori di elevatissime prestazioni costruiti dall’industria britannica durante e subito dopo la seconda guerra mondiale


Ancora non possiamo fornirvi una data definitiva in cui questi tre magnifici aerei si troveranno insieme nello stesso hangar, circondati da cimeli relativi all’aeronautica in un ambiente dedicato alla storia. Sono però certo che la passione che ho trovato nelle parole di Diego, durante la spiegazione dei futuri progetti, sarà una forte spinta a quello che diventerà un museo meta di molti appassionati.

Non perderti eventuali aggiornamenti futuri, iscriviti alla nostra newsletter cliccando qui 

Prossimi eventi da non perdere a FlyOzzano

FlyOzzano merita una visita, che sia per pranzare all’ottimo ristorante “Soffi di vento”, per un tuffo in piscina o per ammirare gli aerei storici ed eventuali addestramenti del campione di aliante acrobatico Luca Bertossio.

Dopo mesi dove gli eventi aeronautici tanto amati da noi appassionati erano solo una speranza ecco due ulteriori buoni motivi per andare a LIKO !

Per ulteriori informazioni in merito all’aviosuperficie, ai velivoli e a futuri eventi visitate WWW.FLYOZZANO.COM

Si ringrazia Diego Galli per il tempo dedicatoci

Photo credits Luca Mazzi e AvioHub, salvo dove indicato

Author: Luca Ocretti

Rispondi