Primo TYPE CERTIFICATE al mondo per un aereo elettrico

E’ la ditta slovena Pipistrel a raggiungere questo prestigioso traguardo.

Dopo anni di ricerca e numerosi riconoscimenti per la produzione di vari modelli di aeromobili elettrici, il 10 giugno ha ottenuto il certificato rilasciato dall’ EASA per il Velis Electro, che diventa a tutti gli effetti il primo aereo di aviazione generale elettrico certificato al mondo

Come riportato direttamente dal sito ufficiale Pipistrel Italia :

Concepito come parte fondamentale del percorso di addestramento dei piloti, Velis Electro è stato progettato per essere semplice da usare e manutenere, senza compromettere la sicurezza. Il Pipistrel certificato Velis Electro eroga potenza istantaneamente e senza esitazione, utilizzando un’interfaccia utente semplificata in una cabina di pilotaggio che mantiene lo stesso aspetto dei suoi fratelli alimentati convenzionalmente. Il numero ridotto di parti mobili riduce drasticamente i costi di manutenzione e il rischio di malfunzionamenti è ulteriormente ridotto al minimo grazie al suo sistema integrato di monitoraggio continuo dello stato di batterie e avionica.

Questa maggiore affidabilità consente a Velis Electro di avere più del doppio della durata delle componenti rispetto alla generazione precedente di aeroplani elettrici.
Il rivoluzionario gruppo propulsore è interamente raffreddato a liquido, comprese le batterie, e ha dimostrato la capacità di resistere a guasti, eventi di fuga termica della batteria e carichi d’urto come parte fondamentale della certificazione.

Il risultato complessivo di tutte queste innovazioni rivoluzionarie è una drastica riduzione dei costi operativi, che contribuisce in modo significativo all’accessibilità economica della formazione dei piloti.
“La Type Certification di Pipistrel Velis Electro è il primo passo verso l’uso commerciale di aeromobili elettrici, necessari per rendere possibile l’aviazione senza emissioni. È notevolmente più silenzioso di altri velivoli e non produce affatto gas di combustione “, ha dichiarato Ivo Boscarol, fondatore e CEO di velivoli Pipistrel. “Conferma e fornisce ottimismo, anche ad altri progettisti di velivoli elettrici, che è possibile ottenere il type certificate di aerei con motori elettrici. Il motore certificato da Pipistrel separatamente, è disponibile anche per altri OEM di aeromobili. Per Pipistrel, questo risultato inietta ulteriore motivazione per il futuro eVTOL e progetti multi-sede alimentati a idrogeno. Pipistrel è particolarmente grata a tutti i nostri clienti per la fiducia nei nostri prodotti, che ci consente di continuare sviluppando questi aerei innovativi “, ha aggiunto.

Dominique Roland, capo del dipartimento dell’aviazione generale dell’EASA, ha dichiarato: “Per l’EASA, la certificazione di tipo di questo aeromobile segna una doppia pietra miliare significativa: il 18 maggio 2020 dichiariamo certificato il suo motore come il primo motore elettrico – ora abbiamo seguito con la prima certificazione di tipo di un aereo che fa volare quel motore. Questo è stato un progetto davvero innovativo che ha prodotto molte conoscenze per la futura certificazione di motori e aeromobili elettrici, senza dubbio un’area di crescita nei prossimi anni in linea con gli obiettivi di protezione ambientale.
“Va anche notato che questo prodotto innovativo è stato, nonostante i molti aspetti difficili, certificato in meno di 3 anni, mostrando l’eccellente lavoro svolto da Pipistrel e dai team dell’EASA. Vale la pena ricordare che il team di certificazione era composto da personale dell’EASA, ma comprendeva esperti di autorità svizzere e francesi, al fine di preparare e facilitare l’entrata in servizio del Velis Electro in questi due paesi “.

 

C’è un altro aereo Pipistrel completamente elettrico, l’ Alpha Electro. Volete saperne di più? seguiteci!

Grazie al superamento del corso su questo velivolo, svolto online nei mesi scorsi, avremo l’opportunità di volarci. Seguirà un articolo dedicato con caratteristiche e resoconto fotografico

 

fonte foto e video : Pipistrel

fonte testo: www.pipistrelitalia.it

Author: Luca Ocretti

Rispondi